Gaio Valerio Catullo, “Viviamo, mia Lesbia, ed amiamo”

Gaio Valerio Catullo, “Viviamo, mia Lesbia, ed amiamo”